Perché in Veneto amiamo così tanto la Carne di Cavallo?

Le mani si muovono agili e veloci, sul tagliere cala la mannaia, gestita con sapiente garbo e maestria unite a saldezza d’animo e di spirito. La tenera polpa dal colore rosso acceso cambia forma, si modella secondo i gusti e i desideri del cliente.

È la carne di cavallo, che diviene alla tartara, o assume i contorni della “straeca” o dello spezzatino, pronta per le braci o una lunga cottura. Sublime espressione culinaria tipica dell’antico mercato del Sotto il Salone di Padova e della bassa pianura veneta, sin dai tempi più antichi.

Legame antico e caratteristico, viene dall’alba della storia della nostra città, e non solo. Sin dal I millennio avanti Cristo, il cavallo era al centro della vita e dei pensieri dei nostri antenati. Famosi erano infatti i puledri veneti, già presso gli antichi Greci.

Merce preziosa, ricchezza importante il cavallo per noi. Allevato, commerciato, venerato, sepolto con gli uomini e ora preziosa fonte di energia alimentare e ispiratore di ricette gastronomiche. 

Nell’antichità il cavallo veneto era conosciuto come cavallo bianco: bello, agile, veloce, utilizzato nelle gare olimpiche, ricercato e pregiato. Non a caso i veneti antichi divennero famosi in tutto il mondo allora conosciuto proprio per aver allevato quei cavalli di razza, celebrati e ricordati anche da Omero nell’Iliade. La tradizione veneta del rapporto con il cavallo resiste anche in epoca romana e da allora giunge a noi.

Tre sono le Botteghe sotto le volte avite, dalla Antica Macelleria di Natale, magistralmente retta ora dal nipote Mattia, le cui esperte e veloci mani operano in tempo reale più rapide perfino dello sguardo creando manicaretti, tutti di produzione artigianale e pronti da mangiare anche al volo.

Alla bottega di Nicola, il top del pronto e cuoci, dove tra le varie leccornie, spicca la straeca affumicata con verdure varie, pronta da servire e gustare. Per finire alla Bottega da Mosca, la terra dello spezzatino.

Come vedete il cavallo costituisce una nobile risorsa antica e gustosa, preziosa e storica. Fa parte della storia nostra e del Salone dei Sapori, ma anche dei Saperi e della tradizione. Finisce sulla nostra Tavola ogni giorno, ma viene da lontano come la Sua storia, o anche di più.

Articolo redatto con la collaborazione e la consulenza del dott. Giancarlo Garna

CHI SIAMO

Nei suoi otto secoli di storia l’antico mercato del Sottosalone è diventato il simbolo della città di Padova e luogo unico al mondo.

Instagram

This error message is only visible to WordPress admins

Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.