Galileo Galilei e la ricetta del Gran Bollito Padovano

A quanto pare Galileo Galilei non masticava solo astronomia.

Ebbene sì, Galileo Galilei e il Gran Bollito non sono poi due mondi così lontani, una lista della spesa datata 11 dicembre 1604 ne è la prova: Galilei acquistò la gallina padovana, l’anitra, il manzo, la lingua salmistrata, cotechino e testina di vitello per preparare un pasto per i suoi studenti.  La ricetta non è cambiata in tutti questi anni e si sa che l’autunno è la stagione giusta per gustarne la bontà.

Il Gran Bollito alla Padovana fa parte della tradizione popolare, specie delle campagne e non nelle mense aristocratiche dove ci si poteva permettere piatti più “eleganti”. Perché si possa parlare i Gran Bollito alla Padovana è necessario che gli ingredienti vengano suddivisi tra permanenti e stagionali.

Appartengono alla prima categoria: la gallina, il manzo, la testina di vitello, la lingua salmistrata, il gambuccio di prosciutto e il cotechino. Stagionalmente poi si possono aggiungere l’anatra, l’oca, la faraona ripiena, il cappone, gli ossi e i piedini di maiale.

Al bollito si possono aggiungere oltre alle carote, al sedano e al prezzemolo, un poco di lardo, formaggio grana e pane vecchio grattugiato, rosso d’uovo e uno spicchio d’aglio. Lo scopo è di evitare che l’acqua per il brodo annacquasse l’interno della gallina. Contemporaneamente rilasciava dall’interno sapori e aromi che andavano a rafforzare la dolcezza del brodo. Il liquido viene lasciato a riposare, sgrassato e servito come piatto “preparatore”.

Come Galileo ci insegna, la scelta degli ingredienti non può essere lasciata al caso e ci sono delle indicazioni preziose da seguire: la carne deve essere piuttosto grassa per evitare che sia stopposa a fine cottura, l’acqua deve essere calda nel momento in cui si inserisce la carne cosicché si possa sigillare e non possa perdere i suoi succhi nel brodo e infine l’uso di odori e spezie classiche (sedano, carota, e cipolla con un bouquet di alloro, chiodi di garofano e prezzemolo).

E il cren ci va o non ci va? Questione di gusti… Ci sono pareri discordanti a riguardo. Questa salsa fatta con radice di rafano piccante è ottima come salsa di accompagnamento per il bollito e può essere consumata allo stato fresco grattugiata oppure conservata in aceto. Un gusto forte per i veri amanti della cucina tradizionale (e qualche volta evitata dai più giovani).

Fatevi consigliare dai nostri macellai per praparare un bollito alla padovana davvero impeccabile!

CHI SIAMO

Nei suoi otto secoli di storia l’antico mercato del Sottosalone è diventato il simbolo della città di Padova e luogo unico al mondo.

Instagram

[instagram-feed num=8 cols=4 showheader=false showfollow=false]